Articoli

A Genova, la giornata nazionale dedicata al software libero, organizzata da Open Genova in collaborazione con Condiviso

È la principale manifestazione italiana dedicata a LINUX, al software libero, alla cultura aperta e alla condivisione. A Genova, l’iniziativa è organizzata dall’associazione Open Genova in collaborazione con Condiviso, network multidisciplinare con sede nella Darsena di Genova (Calata Andalò di Negro, 16), dove dalle 10 alle 18 si susseguono sette relazioni con esperti, una tavola rotonda ed un corso di coding per bambini. Durante l’intera giornata ci sarà la possibilità di approfondimento e networking.

Tra i relatori ed esperti di rilievo nazionale, partecipano all’iniziativa genovese Arturo Di Corinto, giornalista e autore di numerosi articoli e saggi, psicologo cognitivo ed esperto di nuove tecnologie e comportamenti sociali, e Rodolfo Giometti, programmatore, autore di libri e articoli su GNU/Linux e co-fondatore di “Cosino Project”, la piattaforma hardware per la prototipazione rapida in grado di combinare le funzionalità di un mini-computer con quelli di un sistema di automazione professionale.

Introducono Enrico Alletto, presidente di Open Genova, e Lorenzo Novaro, presidente di Condiviso. La giornata si conclude con un corso sui fondamenti della programmazione dedicato ai bambini dai 6 agli 11 anni a cura di Luigi Sainini, esperto di alfabetizzazione digitale.

L’evento è aperto al pubblico e gode del patrocinio del Comune di Genova.

Di seguito il programma della manifestazione.

161010_LINUXDAY_LOCANDINA(1)

Spesso mi ritrovo a dover lavorare su file pdf “complessi” che includono form e funzionalità varie non disponibili nel lettore pdf che uso abitualmente sul mio portatile Linux e visto che in molti casi non si riesce ad usarli neanche con Adobe Reader 9 (l’ultima rilasciata per il nostro sistema operativo preferito) ho deciso di installare l’ultima versione disponibile tramite Wine.

[box type=”info”]Questo articolo è rivolto a chi ha una familiarità anche minima con il terminale.
Se non vi va di scrivere comandi su uno schermo nero probabilmente vi conviene smettere di leggere ora.[/box]

Installare Wine:

Prima di tutto bisogna installare wine e, visto che in questo periodo sto usando Kubuntu (la storia di questa “scelta” sarà argomento di un altro articolo prima o poi), ho optato per la versione più recente disponibile su un apposito ppa:sudo add-apt-repository ppa:ubuntu-wine
sudo apt-get install wine1.8

Fatto questo basta seguire le istruzioni presenti su WineHQ con qualche piccola accortezza.

Installare Adobe Reader:

  • Prima di tutto avviamo wine digitando env WINEPREFIX=$HOME/.wine32 WINEARCH='win32' wine 'wineboot'
  • Poi è il momento di scegliere la versione di Windows da emulare: env WINEPREFIX=$HOME/.wine32 WINEARCH='win32' winecfgScegliete Windows 7.
  • Lanciando il seguente comando vi ritrovete con un errore di download: env WINEPREFIX=$HOME/.wine32 winetricks atmlib riched20 wsh57 mspatcha Per risolvere il problema bisogna scaricare manualmente il file W2KSP4_EN.EXE (si tratta di un service pac contenente delle DLL che sono necessarie per poter poi lanciare il reader) dal web archive e copiarlo in ~/.cache/winetricks/win2ksp4/ e poi rilanciare il comando.
  • Scaricate l’installer del reader dal sito di Adobe scegliendo come sistema operativo Windows 7 (mentre scrivo questo articolo la versione più recente è la 11.0.10) e installatelo digitando env WINEPREFIX=$HOME/.wine32 wine AdbeRdr11010_en_US.exe nella directory dove avete scaricato il file (ovviamente il nome del file può variare a seconda della versione e della lingua).
  • Durante l’installazione non dimenticatevi di selezionare gli aggiornamenti manuali.
  • Prima di lanciare il programma e metterci a lavorare sui nostri pdf dovremo riconfigurare wine usando env WINEPREFIX=$HOME/.wine32 WINEARCH='win32' winecfg per scegliere Windows XP come versione da emulare perché l’installer funziona meglio con Windows 7, ma a quanto pare il programma è più stabile se gira su XP.

winecfg

Bonus per chi ha uno schermo HiDPI:

In winecfg nella tab “Graphics” è possibile impostare manualmente i DPI, quindi vi basterà inserire 192 come valore nella casellina e rilanciare wine per poter leggere i testi (le icone resteranno piccole, ma almeno il tutto diventa utilizzabile).

Come lancio il programma?

In sostanza abbiamo creato un ambiente a 32 bit in cui lanciare il programma come fosse dentro una installazione di Windows XP. Per avviare Adobe Reader dovremo quindi usare il prefix impostato. Il comando sarà:env WINEPREFIX=$HOME/.wine32 WINEARCH='win32' wine ~/.wine32/drive_c/Program\ Files/Adobe/Reader\ 11.0/Reader/AcroRd32.exe

Le piattaforme gestionali Open Source si stanno rapidamente diffondendo tra le imprese e i professionisti, grazie all’abbattimento dei costi di start-up, personalizzazione e manutenzione e alla loro scalabilità e semplicità d’uso.

Il progetto Dolibarr è nato ormai da diversi anni e per il 2016 punta a rafforzare ulteriormente lo sviluppo delle funzionalità di ERP/CRM prestando attenzione soprattutto ai bisogni espressi dagli utenti attraverso i canali di supporto della comunità italiana e internazionale di Dolibarr.

Dolibarr è tra i più semplici sistemi ERP/CRM presente in rete, sia per chi lo deve installare, configurare e gestire sia per coloro che hanno il piacere di usarlo, accedendo al proprio ufficio sempre ed ovunque, tramite browser o con l’applicazione mobile.
È Basato su PHP e MySQL ed è in continua evoluzione, si adatta a qualsiasi implementazione, personalizzabile a misura di ogni business e attività attraverso i numerosi moduli scaricabili dal marketplace http://dolistore.com.

Grazie alla crescente comunità italiana, al suo forum e alla consulenza del circuito dei preferred partners è garantito il 100% di supporto.

 

 

dolibarr_box_highres_en dolibarr_screenshot